SISTEMA BINARIO

ai microfoni di

Radio Incontro da Sanremo

 SISTEMA BINARIO ai microfoni di Radio Incontro da Sanremo

SISTEMA BINARIO ai microfoni di Radio Incontro da Sanremo

La Band Veneta “Sistema Binario” nasce dall’idea di Manuel Biasi che, dopo aver accumulato esperienza come frontman con varie Band dai generi diversi, decide di cimentarsi nella scrittura e composizione di musica propria.

 SISTEMA BINARIO ai microfoni di Radio Incontro da Sanremo

SISTEMA BINARIO ai microfoni di Radio Incontro da Sanremo

SISTEMA BINARIO

Partecipa al Premio Lucio Dalla nel 2019 con il brano “Lifting” e proprio in quell’ occasione conosce Manuel Auteri e Renato Droghetti della casa discografica SanLucaSound di Bologna.

 SISTEMA BINARIO ai microfoni di Radio Incontro da Sanremo

SISTEMA BINARIO ai microfoni di Radio Incontro da Sanremo

Da subito nasce una stima reciproca e decidono di cominciare una collaborazione.

Lo stesso Manuel Biasi decide, così, di riunire alcuni dei suoi ex compagni di band, Alfio Roccaforte (chitarra e sax) ed Alberto Pantano (bassista) per fondare i Sistema Binario!

Tutti i componenti del gruppo sono legati,oltre che dalla passione x la musica, da una profonda amicizia maturata proprio calcando assieme i palchi di locali e festa di piazza del Veneto.

Nel Dicembre 2019 inizia, così, un percorso negli studi di SanLucaSound con la produzione di Renato Droghetti e la supervisione di Manuel Auteri per registrare alcune canzoni che daranno vita al primo album della band previsto entro l’anno. il 3 Febbraio 2020 esce su tutti gli store digitali e in promozione radiofonica Il primo singolo dal titolo “Stagione 2.0” che viene promosso anche durante il periodo del festival di Sanremo nella città dei fiori.

“Stagione 2.0” è il primo singolo ufficiale della band è una canzone ritmata e allegra che vuole fare arrivare un messaggio per tutti: spesso è più facile per ogni essere umano guardare le cose che non vanno e farsi “coccolare” dalla pesantezza della vita ma a volte basta aprire meglio gli occhi per farsi “illuminare dal vento”.

Leave a comment