cicloturistica

Quattro comuni capoluogo e due frazioni con lo stesso toponimo tutti insieme per la Cicloturistica in mountain bike dei Montecchio d’Italia. L’evento si svolgerà domenica 21 maggio a Montecchio di Terni, organizzato dalla pro loco in collaborazione con il Comune e l’associazione sportiva dilettantistica Dario Bianchi di Castiglione in Teverina.

Affascinante il percorso che si snoderà lungo i sentieri sterrati tra i boschi, gli oliveti e i vigneti della zona, toccando, tra gli altri, il parco Le Colonie, il Pian dell’Ara, l’Osservatorio forestale, il parco dell’Elce bello nonché Parco archeologico del Vallone San Lorenzo.

La manifestazione rientra nelle attività socioculturali e ricreative dell’ormai pluriennale gemellaggio tra i quattro capoluoghi comunali italiani aventi identico toponimo: Montecchio (Terni), Montecchio Maggiore (Vicenza), Montecchio Emilia (Reggio Emilia) e Montecchio Precalcino (Vicenza), cui quest’anno si aggiungeranno le rappresentanze di Montecchio (Comune di Cortona, Arezzo) e Montecchio (Comune di Giano dell’Umbria, Perugia).

La Cicloturistica non ha carattere competitivo, è infatti un’occasione di promozione turistica alla scoperta di luoghi suggestivi e incontaminati, di valorizzazione dei prodotti tipici del territorio e di sano relax cui tutti – giovani e meno giovani, allenati e meno allenati – sono invitati a partecipare. I percorsi a disposizione dei ciclisti sono due: il primo, per amatori, ha una lunghezza pari a 25 km e presenta 500 metri di dislivello; il secondo, per ciclisti esperti, ha una lunghezza pari a 39 km e presenta 1.200 metri di dislivello.

Per i partecipantisono stati allestiti punti di ristoro lungo il tracciato. La partenza e l’arrivo di ambedue i percorsi sono fissati in Piazza Garibaldi, dove la pro loco offrirà un pranzo a tutti i partecipanti e ai loro familiari e accompagnatori. Successivamente verranno assegnati dei riconoscimenti ai partecipanti e si apriranno i mercatini artigianali dislocati lungo le vie del centro storico in occasione della festa di San Bernardino.

Leave a comment